lunedì 6 settembre 2010

Anticipo d'autunno

Il lunedì è un giorno pessimo. Quando poi il lunedì è un giorno di settembre che sembra novembre, con delle nuvole grigie così basse che sembra di poterle toccare, e persino i rari raggi di sole virano su una tonalità grigiastra, ecco, io vorrei arrampicarmi su una certa collina, su una certa roccia nascosta dalle querce (solo mia sorella sa di che parlo), urlare con quanto fiato ho in corpo, spaventando tutta la vallata sotto di me, per cercare cacciare fuori questo peso che ho sul petto e che mi opprime. Ho il vago sospetto di essere poco poco metereopatica.
Comunque, esternato tutto il mio sdegno per questa latitudine dal clima temperato, vorrei infilarmi nella mia tana e dormire finchè non torna la primavera. Dormire e sognare.
Ogni anno in questo periodo invidio gli orsi.

Invece, non potendo fare quanto sopra, mi limito ad ammorbare voi, miei cari amici e fedeli lettori, che  magari siete arrivati in ufficio pieni di entusiasmo e di voglia di fare e di gioia di vivere. Nel qual caso vi pregherei di scrivermi qualche commento di incoraggiamento, ne ho bisogno per arrivare viva a venerdì.

Nel frattempo, elencherò le cose belle che a tratti migliorano il mio odierno umore schifoso.

1. La festa di compleanno di Massimo Decimo Meridio detto il Grigliatore, sabato sera. È stata una bella festa, anche se è stato strano che non ci fosse un barbecue da nessuna parte; mi sono divertita molto e ho conosciuto delle persone molto simpatiche. C'era la sorellina della Principessa, che è carina e piacevole come sua sorella; una collega Ingegnera del festeggiato che, oltre a essere molto simpatica, mi ha anche aiutato nel momento di crisi alcolica, cosa di cui le sono profondamente riconoscente. C'erano alcuni amici del Grigliatore, e ho perso in partenza la sfida di battezzare tutti perché erano troppi e non ho potuto approfondire adeguatamente, se non con il Pasticcere.
Della serie "sbagliando si impara", ho inoltre capito che con lo stomaco semivuoto non posso superare i 3 mojito, pena un brutto quarto d'ora di black-out. Il posto era molto carino, il nostro anfitrione ci ha trattati da vip, la torta per quel che mi ricordo mi è parsa molto buona, ed è stata nel complesso una bellissima serata. Grazie, veramente.
Ora, caro il mio Massimo Decimo Meridio detto il Grigliatore, se non vedo comparire la tua faccetta tra quelle dei sostenitori, mi risentirò molto e ordirò una tremenda vendetta.

2. La domenica passata a fare le pulizie. Ok, non sarà il massimo, ma sono veramente soddisfatta di aver rivoltato casa come un guanto in 3 ore di duro lavoro, anche se nella foga ho lasciato un pezzo di dito su un angolo tagliente. Un consiglio: evitate di usare l'anticalcare se vi siete appena tagliati. Brucia. 
L'attacco di filippinite è stato talmente forte che vi dico solo che ho perfino lavato il balcone.

3. La gatta sul tetto che scotta. Che il Signore tenga accanto a sè Tennessee Williams, Richard Brooks, quel gran figo di Paul Newman, e anche l'inventore del videoregistratore; e che precipiti all'inferno chi ha stilato il palinsesto domenicale dell'estate.

4. Il ritorno della mia trasmissione preferita alla radio la mattina. Anche se è la conferma inoppugnabile che l'estate è veramente finita e che dovrò aspettare un altro lungo anno prima di potermi di nuovo rosolare al sole, almeno arrivo in ufficio ridendo.

5. Il mio divano nuovo, che dovrebbe essere in arrivo questa settimana. Da quella sentimentale che sono, mi sento un po' in colpa nei confronti del mio vecchio divano, infatti ho già chiesto al mio amico Mobiliere di non portarlo in discarica, visto che non è in così pessime condizioni... Se ha qualcuno a cui regalarlo mi fa molto più piacere.

Infine, una notizia che farà piacere a molti. Ho partorito. Dopo lunghe riflessioni ho trovato il nickname per mia sorella. Qui la battezzo ufficialmente Coscienza. Così ho deciso. Io sono l'Autrice, quindi ho l'ultima parola.
Non sono ammesse proteste, storcimenti di nasi o ulteriori pressioni psicologiche. È gradito, anzi richiesto, un caldo apprezzamento.

5 commenti:

the muffin woman pat ha detto...

grandissimoooo il nicknameeeeeee di tua sorella.
sottoscrivo.
anche se più piccola di me di un anno, l'ho sempre considerata molto, molto, molto più matura.
uh. le devo chiamare.
perchè non torna quiii.

"che magari siete arrivati in ufficio pieni di entusiasmo e di voglia di fare e di gioia di vivere"
di che mondo stai parlando???

Effe ha detto...

:)
Sì, è una personcina matura mia sorella. Ma soprattutto mi risparmia la fatica di farmi le pare perché me le fa direttamente lei. Potevo usare Grillo Parlante, ma oltre a sembrare un po' offensivo credo che avrei dovuto pagare dei diritti agli eredi di Collodi...

Cmq, so che è difficile crederlo, ma ci sono persone che sono contente che il cielo sia grigio e il vento freddo, si sentono piene di energie... Bah. Il mondo è bello perché è vario, I suppose.

Anonimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Beatrice ha detto...

Sono Coscienza. Bello. Mi piace. Mi calza a pennello. E ne vado fiera. Brava la mia Autrice.

Effe ha detto...

Sono contenta che ti piaccia Bì. Ci è voluto un po' di tempo, è vero, ma almeno non è una cosa superficiale. :)