martedì 12 gennaio 2010

Felicità


"Una volta tanto mi lasciai andare, senza volermi sentire superiore alla mia felicità, senza volermi guardare dall'alto o essere più intelligente dei miei sentimenti."

Paul Auster, "La stanza chiusa", Trilogia di New York




P. S.: prima che gli amici preoccupati si chiedano cosa voglia dire, la risposta è NIENTE. Non ci sono legami nascosti con alcuna situazione personale. Però è bello il senso, e sarebbe bello sperimentare quella sensazione.

Nessun commento: