mercoledì 28 aprile 2010

Farewell dinner party

The Road goes ever on and on
Down from the door where it began,
Now far ahead the Road has gone,
And I must follow if I can,
Pursuing it with eager feet,
Until it joins some larger way
Where many paths and errands meet.
And whither then? I cannot say

J.R.R. Tolkien, The Fellowship of the Ring


Gli amici sono la famiglia che ti scegli, è vero.
La differenza è che in qualche modo sai che non perderai mai i tuoi famigliari. Mia sorella sarà sempre mia sorella, anche se siamo lontane. Non so, il richiamo del sangue o qualcosa del genere.
Invece gli amici si possono perdere per strada; magari non succede, ma c'è il rischio.

La Bambina parte oggi. Lo so da 2 mesi che sarebbe partita più o meno in questi giorni, da almeno un mese so anche la data precisa, ma non sono ancora entrata nell'ottica e so già che mi mancherà e aspetterò che torni da un giorno all'altro, come quando era in India.

Anche se andremo certamente a trovarla, e anche se credo che non verremo separati dalle nebbie del tempo, lei avrà una nuova vita da vivere, che sarà diversa dalla nostra; e la sua partenza cambierà un po' anche le nostra vite. Per esempio non ci saranno più le domeniche sera tutti e quattro sul divano a guardare filmacci (ovvero: noi due ragazze a guardare il filmaccio, i due maschietti a sonnecchiare); le cene a casa organizzate all'ultimo minuto; i "passo sotto casa tua tra 10 minuti, andiamo a fare l'aperitivo"...
Finite anche le improbabili conversazioni in inglese con la Sfinge.

Uffa, odio sentirmi abbandonata, e in più il fuso orario ci è nemico perché sono addirittura 9 ore... Ma non poteva andare a NY? Proprio così lontano doveva spingersi? Noi usciremo dall'ufficio quando lei ci entra, praticamente, quindi addio anche alla chat.
Comunque, tanto per non perdere l'occasione di bere un po' e di fare un po' di casino, ieri sera abbiamo organizzato una cena di addio... O arrivederci, si spera...
Mi sono persino offerta di cucinare, occasione più unica che rara. Abbiamo assaggiato finalmente la renna, che devo dire è molto buona. Non abbiamo neppure ecceduto col vino. Anche se Ivan ha fatto capolino un paio di volte, aiutato dal rhum.
Un po' di commozione era inevitabile, ma non ho pianto a zampillo come temevo. Contegno esemplare, direi.
E ora devo fare mente locale per ricordarmi che stasera non la potrò invitare a fare l'aperitivo.

Have a nice trip, my friend, we'll miss you here in Italy.

2 commenti:

the muffin woman pat ha detto...

E le mail??
CI sono le mail!!!
E puoi sempre mandare video messaggi.
ok che non è la stesa cosa, però fanno ridere i video messaggi:)

poi spiegami il trucco per non piangere in casi simili per favore, che ho la lacrima troppo facile

Effe ha detto...

Si, le mail e fb e twitter... ma non sarà mai la stessa cosa.
Però proverò i video messaggi, mi piace l'idea!
Per quanto riguarda il metodo sperimentato per non piangere, lo scriverò nel prossimo post (e grazie per l'idea!!)
:)