venerdì 30 aprile 2010

I grandi perché di Mr. Big - Benzinaio amico

Non riesco a capire perché i benzinai abbiano tolto la molletta per bloccare l'erogatore, che era davvero comodissima. In primo luogo perché mi piaceva scendere dall'auto con le mie belle scarpe col tacco, gli occhiali scuri, e stupire il benzinaio che si avvicinava per aiutarmi mostrandogli che conoscevo il trucco, benché femmina.
In secondo luogo, è una scocciatura dover stare lì in piedi a tenere premuto il grilletto della pistola, soprattutto se sei quasi in riserva e vuoi fare il pieno: stai lì per lunghi minuti che potresti utilizzare benissimo per lavare il parabrezza, o per buttare via la spazzatura accumulata nella tasca della portiera o semplicemente per limarti le unghie.
Costernata da questo interrogativo, ho consultato l'enciclopedico Mr. Big, che mi ha prontamente fornito la risposta. Qualora qualcuno di voi abbia spiegazioni diverse è pregato di farcelo sapere.

La spiegazione pare essere la seguente: delle gang di ragazzini sembra si divertissero a bloccare la mollettina quando il distributore era chiuso. Quindi chi poi faceva benzina al self service appena alzava la pistola dalla pompa si faceva una doccia. Uno scherzo davvero esilarante. Tra l'altro immagino che non stessero nemmeno lì per godersi il risultato, quindi pure inutile.

Tutta questa pappardella è venuta fuori dal fatto che ieri ho scelto il mio nuovo benzinaio preferito.
Uscendo dall'ufficio, ho deciso di fermarmi a fare gasolio in tangenziale, anche se costa un po' di più. C'era coda, tanto valeva fermarmi del tutto. Inoltre ero quasi in riserva, la qual cosa mi procura sempre una certa ansia. Non mi piace che la mia bimba abbia il serbatoio vuoto. Può avere strati geologici di zozzeria fuori e dentro, ma non la lascio mai in riserva.
Comunque, ho fatto il pieno al fai da te, e, come dicevo, nel fare il pieno non ho neppure potuto lavarmi il parabrezza. Sono entrata nel gabbiotto della cassa per pagare, e lì ho ricevuto una tale lisciata al mio ego che mi sono quasi dimenticata di svenire per il costo del pieno (di ben 50 euri):
Benzinaio: "Signorina, sono 5000 euro"
Io: "Guardi, non li ho nemmeno sul mio conto" (pensando "AH AH AH che risate")
Benzinaio: "Una come lei che non ha soldi? Non ci credo"
Io: "Guardi, è tutta apparenza"
Benzinaio: "Beh, sa, al mio paese (vicino a Napoli, Ndr) si dice che la vera dote, sa la dote che una volta le spose dovevano portare... è quella che ti porti addosso... Pensi come sarebbe peggio se avesse un sacco di soldi ma fosse brutta come uno scarrafone. Invece magari non ha soldi ma è bellissima".

Dopo aver pagato, sono tornata alla macchina vacillando sotto il peso di un tale complimento inaspettato; mi aveva messo talmente di buon umore che non ho nemmeno insultato uno che mi ha tagliato la strada. Quindi credo di aver trovato il mio nuovo benzinaio di fiducia.

Nessun commento: