venerdì 19 marzo 2010

Don't Bet on It

"All right, you win. You win. I give. I'll say it. I'll say it. I'll say it. DESTINY! DESTINY! NO ESCAPING THAT FOR ME! DESTINY! DESTINY! NO ESCAPING THAT FOR ME!"

Gene Wilder, Young Frankenstein


Sul desktop del mio pc ho questa geniale applicazione chiamata Answer Ball. Praticamente è un oggetto che se scosso, nella sua versione fisica, o cliccato in quella elettronica, mentre si pensa a un quesito, sputa un parere totalmente casuale. 
Lo ammetto, per quanto sia un'applicazione alquanto stupida, per quanto io sia un essere piuttosto razionale... ebbene sì, ogni tanto la uso.
Ho già confessato di avere dei seri problemi a scegliere, di essere una di quelle persone che vorrebbero poter fare tutto allo stesso tempo. Ma visto che non è possibile, la vita stessa mi impone di prendere decisioni. 
A volte ci sono situazioni in cui i ragionamenti non servono a nulla, né servono i pareri di amici o familiari, che sicuramente li espongono con cognizione di causa. 
A volte si ha solo bisogno di sapere cosa ne pensa il fato. Operare una scelta sulla base del caso. Non so quale meccanismo scatti nella mia testa, ma semplicemente mi passano i sensi di colpa, i rimpianti e i dubbi tipo "cosa sarebbe successo se avessi scelto l'altra opzione?", perché in realtà non sono io ad aver scelto, ma il caso, e quindi sarebbe comunque andata in quel modo, poiché "il destino è quel che è - non c'è scampo più per me". 
Credo che la cosa funzioni solo per i fatalisti. 
In ogni caso, questo inizio di primavera mi mette in una disposizione d'animo molto sentimentale, quindi ultimamente pongo quesiti di tipo romantico alla mia Answer Ball. 
Per esempio: "incontrerò qualcuno di interessante prossimamente?". Oppure "quella tale persona potrebbe essere interessata a me?".
Credo che la palla sia rotta. Oppure sono rotta io. 
Perché a queste domande mi dà sempre la stessa risposta: "DON'T BET ON IT".

Nessun commento: